Non cresci più

Non si arrende più il mio cuore..

Vabbè, probabilmente è solo un’esagerazione..

Pensavo mentre tornavo a casa a quante cose siamo costretti ad accettare, a quanto di ciò che vuoi sul serio puoi fare, e a quanto vogliono gli altri invece sei costretto ad accettare.

Perché poi accettarlo è la cosa più dura, perchè snerva alla lunga, perchè dipende da persona a persona poi.. Io non riesco ad accettarlo..

La luce che riflette sulle superfici bagnate mi ha sempre dato un idea di liscio, perfetto, artificiale.. E con questa sensazione seguire la strada, così corretta, così ben integrata nell’urbano, all’inizio mi ha dato un gran solievo. Pochi secondi dopo invece un senso tremendo di costrizione..

Per rimuovere dalla testa almeno temporaneamente le cose l’unica è sostituirle con qualcosa che non faccia pensare, rumore, fatica.. Chi più ne ha più ne metta.

Mi sono strisciato, mi hanno graffiato. Punto. Stop. Basta. Bene

Accettare è dura, trattenersi ancora di più.

Egoismo? No.. L’egoismo è quello che muove tutto oggi, è quello che era la solidarietà una volta, è un valore.. Che cosa orribile. Forse questa crisi non è del tutto negativa.. E qui tendo a precisare che sto scoprendo di giorno in giorno l’entità effettiva di quello che sta succedendo, la logica perfetta e spietata che si cela dietro tutto questo. Tutto succede come deve succedere, le cause e le conseguenze si succedono trasformandosi da esito in nuova causa.. Come quando disponi le tessere del domino sull’estremità più stretta contigue fra di loro e fai cadere la prima, una bella immagine di questo c’è in V per vendetta, per dare un’idea.

Dicevo che forse magari subire sulla propria pelle quelle cose che pensavamo non ci potessero mai accadere potrà aprire gli occhi a chi se ne fotte di tutto. Sono utopico, poco male. “La speranza è l’ultima a morire, ma muore” scrisse qualcuno in tempi differenti da oggi. Muore dopo di chi ci spera a volte… Allo specchio mi sono sorpreso.

Tante cose diventano più grandi, tante altre non sono quello che sembrano.

Domani è un giorno diverso.

Si, probabilmente è solo un’esagerazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: